.

.

venerdì 4 agosto 2017

Alassio - Giunta comunale spaccata per la raccolta rifiuti oltre la ferrovia, la vice-sindaco Monica Zioni sembra intezionata a dare l'addio alla compagine di maggioranza, mentre l'assessore all'Ambiente Angelo Vinai, sulle cui capacità gestionali del suo settore più d'uno ormai esprime da tempo seri dubbi, sui rifiuti insiste a dire che i numeri danno ragione a lui. Ciò che rimane incontrovertibile è che la città non è mai stata così sporca: cassonetti vecchi e rotti, deiezioni canine ovunque, odori nauseanti che giungono dalle isole ecologiche piene zeppe e straripanti immondizia, il tutto per una spesa annua per i cittadini alassini che si aggira attorno ai 5,2 milioni di euro, equivalenti a 10 miliardi delle vecchie lire !!! Oltre a ciò non va dimenticato il grave, anzi gravissimo danno d'immagine che ne deriva alla città, perchè la sporcizia, l'assenza dei cestini della carta tranne che attorno a Palazzo civico o nella zona " Vip " della Coscia e di Passeggiata Cadorna, nel resto della città dove sono rotti, caduti a terra o rimossi e non rimpiazzati sono un spettacolo davvero imbarazzante per una cittadina che secondo le fantasie estive e auto-promozionali del sindaco Enzo Canepa vorrebbe " scimmiottare " una realtà di ben altro livello e prestigio come Montecarlo ... . Poveri cittadini, poveri turisti, poveri tutti noi che amiamo, siamo affezionati ad Alassio e vorremmo per questa città un vero rilancio e non solo " spot " promozionali autoreferenziali che finiscono regolarmente senza avere nè seguito nè dare neppure risultati minimali. E una volta tanto bisogna dirlo, per dovere di coerenza intellettuale e realtà fattuale, la Zioni ha ragione, anzi ne ha da vendere ...



Da www.ilSecoloxix.it del 04 Agosto 2017

Nessun commento:

Posta un commento