.

.

domenica 6 agosto 2017

Genova - Parla il netturbino che ha soccorso la giovane Adele: poteva essere mia figlia. Si esprime così Cristian M. , che non si dà pace per la morte di Adele, la sedicenne uccisa dall'ecstasy, e dice: " Ho fatto ciò che dovrebbero fare tutti ", e aggiunge: " Ho visto crollare una bambina ma i suoi amici mi fermavano ".



Da www.ilSecoloxix.it del 06 Agosto 2017

Nessun commento:

Posta un commento